Tag: ADHD

Impulsività e Segnali Di Errore

In precedenza ho parlato di codifica delle informazioni e del loro immagazzinamento, la difficoltà di codificare una informazione in vari dettagli porta a legare queste informazioni in maniera poco scalabile, nel senso che i legami che si creano tra i neuroni sono piuttosto ridotti, per cui la loro attivazione alla presenza degli stimoli esterni diventa più complessa e più lenta, fino alla non attivazione di essi.

Questa codifica delle informazioni comprende la globalità della mia memoria e quello che capita quando si presenta uno stimolo esterno se questo stimolo va attivare una di queste informazioni sono quasi sicuro che lo scarso legame neuronale genera uno scarso controllo su questo stimolo esterno, portando a una maggiore lentezza o impossibilità sul controllo degli errori o degli stimoli.

ADHD, codifica, errori, impulsività, neuroni, Segnali

Continua a leggere

Sesso, Coccole e Compagnia, Relazioni… Quasi un Tabù per il mio ADHD

In questi giorni di isolamento sento molto il peso della solitudine, sabato e domenica sono stato in casa con i miei non più di un ora e non mi sento a mio agio con loro benchè non mi faccino mancare nulla.

Stasera sento quella solitudine che mi porta a farmi vedere che nessuna mi cerca, o chi lo fa lo fa solo per chiedere un mio piccolo aiuto in qualcosa ma non di certo per parlare con me o fare due chiacchere con me.

Lavoro con molte ragazze giovani, ma sono già impegnate e non sono parte dei loro sogni o desideri, molte sono carine, intelligenti e simpatiche, ma loro hanno già una loro vita.

Di solito cerco sempre di darmi da fare e spesso cerco anche il modo di farle ridere, cerco di rendermi utile, ma le mie sperimentazioni affettive nella mia esistenza hanno avuto risultati fallimentari per cercare coccole carezze sesso, compagnia e poi non so, sono rarissime le volte ce ho portato fuori una donna a cena, non per mia scelta ma perché non sono mai stato una persona desiderabile anche se ho cercato di esserlo con tutte le mie forze.

ADHD, Affettività, depressione, Scarsa Autostima

Continua a leggere

Idea di Ripristino Cognitivo Nel Mio ADHD

Di recente ho iniziato a scrivere una biografia sulla scia di un progetto che avevo iniziato con alcuni miei amici per fare un cortometraggio partendo dalla mia esperienza di vita e di come affronto L’ ADHD.

Iniziato questo progetto ho avuto la necessità d scrivere una mia biografia a scopo medico, però mentre la scrivevo mi sono accorto che i ricordi riaffioravano piano piano, ora sono solo alla prima bozza e oggi mi accorgo che quei ricordi sono molto forti ma le emozioni che generano non sono più le stesse, sono passato dal disagio alla commozione, favorendo la riattivazione di ricordi che erano diventati inaccessibili per via del disagio che creavano.

Quando i ricordi sono legati ad emozioni negative o di disagio spesso avviene un oblio volontario o involontario, nella mia vita il mio ADHD e il mio disturbo bipolare con la mia diversità come crossdresser mi ha portato ad avere sensazioni ed emozioni di disagio enormi, più volte ho dovuto immaginare un “io” ideale dovendo rinunciare sempre di più ad essere me stesso fino a ottenere una completa disintegrazione di me stesso e della mia autostima.

ADHD, Biografia, deficit cognitivi, memoria episodica, recupero cognitivo

Continua a leggere

Fotografia & ADHD

Non sono solito a parlare di fotografia in questo sito a parte gli autoscatti che faccio ogni tanto con i vestiti, però credo che forse la cosa bella è che sto cambiando approccio alla fotografia in una maniera più professionale.

Nel mio ADHD la mia percezione dei dettagli è alquanto ridotta, lo si vede dai test cognitivi dalla figura complessa di REY, dove ne riporto solo una parte e questo si ripercuote anche in fotografia perché quello che manca è la visione di insieme. In pratica la figura complessa di Rey spiega un po’ il motivo per il quale faccio fatica a riconoscere i volti, tipo un face id di un cellulare con meno punti di scansione.

Mancando la visione di insieme però sembra che abbi particolari qualità nel cercare di risaltare i dettagli, spesso lo faccio con le persone o i primi piani, però per fare questo sono necessarie situazioni in cui è possibile identificarli e isolarli in fotografia, allora la foto per me può diventare carina.

Adattamento, ADHD, Canon, deficit cognitivi, fotografia

Continua a leggere

Shadow of The Tomb Raider

Devo dire che questo gioco mi ha veramente preso, molte animazioni, strategia, enigmi, fps, grafica bellissima a mio giudizio sfruttando a pieno il mio i9 9900k, la asus  strix 2080ti e il mio monitor 2k.

all’inizio forse non mi aveva preso molto, ma mano a mano che sono andato avanti e mi sono addentrato nella storia, nei bellissimi scenari che il gioco offre, con tutta la potenza della grafica raytracing è uno spettacolo, degli enigmi da risolvere dove ho guardato spesso un video su youtube per farmi aiutare, spesso io come adhd il problem solving è un problema notevole in questo tipo di giochi, mi sono divertito e ho dovuto interrompere le sessioni di gioco non per stanchezza ma per il tempo che avevo a disposizione.

ADHD, Gaming, Shadow Of The Tomb Raider

Continua a leggere

Tra Cure, Farmaci E Aspettative

Secondo me è molto importante riuscire a capire cosa aspettarsi dalle cure e da che tipo di azione aspettarsi per via farmacologica.

Ho sempre portato avanti la tesi della non reitenzione delle informazioni nella mia memoria, questo secondo me causa un problema apprenditivo che mano a mano che passa il tempo diventa sempre più grande rispetto ai miei coetanei di uguale età.

Questo problema di maturazione che incide tantissimo sulla mia vita, dai miei affetti al lavoro alla vita sociale, la mia idea è che necessità di un intervento specifico mirato alla persona che spesso non è standarizzato ma nel mio caso ad esempio richiede una notevole comprensione della malattia usando le mie capacità residue e i punti di forza su cui fare leva, visto le mie abilità tecniche necessito di una persona molto affermata tecnicamente con cui sperimentare nuove strategie e nuove idee che fino ad oggi mi hanno portato a fare notevoli passi, una persona che abbi la passione di raccontare le sue conoscenze in materia che a me mi hanno sempre attirato e infine potere confrontarsi e anche frequentare persone con un disagio simile per potere trovare strategie comuni e anche magari costruire dei rapporti in cui è più facile stabilire una empatia e anche un interesse più mirato.

ADHD, Aspettative, cure, Disturbo Bipolare, Ipotesi, Terapie

Continua a leggere

  • 1
  • 2

Privacy Policy